CCIR

I TWEET

E’ partito il "Privacy Sweep 2018", un´indagine a carattere internazionale dedicata quest´anno al  principio di responsabilizzazione (accountability), introdotto anche in Europa dal Regolamento Ue. L´iniziativa è coordinata dalla Global Privacy Enforcement Network (GPEN) - la rete internazionale nata per rafforzare la cooperazione tra le

Autorità della privacy di diversi Paesi - e prenderà in esame le misure che titolari o responsabili del trattamento hanno adottato per garantire e dimostrare il rispetto delle norme e degli standard in materia di protezione dei dati.

Il Garante italiano concentrerà la sua azione sulle Regioni e sulle Province autonome e sulle rispettive società controllate che effettuano rilevanti trattamenti di dati personali per lo svolgimento di compiti di interesse pubblico. Oltre a quella italiana, altre 17 Autorità garanti della privacy di altrettanti Paesi del mondo parteciperanno all´indagine. I risultati dell´indagine saranno resi pubblici il prossimo novembre.

Lo "Sweep" (“indagine a tappeto”) sull´accountability fa seguito ad analoghe indagini effettuate negli scorsi anni che hanno preso in esame le informative privacy su siti web e le app per la telefonia mobile, i servizi online destinati a minori, l’Internet delle cose.

Che cos´è il Global Privacy Enforcement Network (GPEN).  Il GPEN (Rete globale per l´applicazione delle norme in materia di privacy) comprende, ad oggi, più di 60 Autorità Garanti nel mondo. E´ stato costituito nel 2010 facendo seguito ad una raccomandazione dell´OCSE. L´obiettivo è quello di promuovere la cooperazione internazionale fra le Autorità di controllo in materia di privacy alla luce della crescente globalizzazione dei mercati e dell´esigenza di imprese e consumatori di disporre di un flusso di informazioni personali senza soluzioni di continuità, indipendentemente dai confini nazionali. I membri del GPEN si impegnano a collaborare per rafforzare la tutela della privacy in tale contesto globale.

 

 

 

EN IT